L'Espresso October 6, 2014

La cantina Rocca di Frassinello, in Maremma, festeggia le 10 vendemmie con l'anteprima mondiale di "Rapture of the Grape" l'opera di David LaChapelle diventata etichetta per la serie limitata di bottiglie dello speciale blend a base Sangioveto con Merlot e Cabernet

Dopo i grandi vip di Hollywood e le più acclamate star delle passerelle, dopo le sue interpretazioni dell'ultima cena e le visioni dal clima surreale con cui descrive ogni aspetto della società contemporanea, ilfotografo/artista David LaChapelle, definito per le sue rappresentazioni oniriche il Fellini della fotografia, sceglie diconcentrarsi sul vino.

Così, dopo una visita aRocca di Frassinello in Maremma, invitato da Beatrice Panerai, ammaliato e ispirato dal lavoro in vigna e in cantina, tornato nel suo studio di Los Angeles, ha sentito l'esigenza di trasformare in immagine le sue emozioni. Ne è nata "Rapture of the Grape", il rapimento dell'uva, la sua ultima opera, donata all'azienda vitinicola nata dalla joint venture fra Castellare di Castellina e Domaines Barons de Rothschild, famosa anche per la cantina progettata da Renzo Piano.

Rapture of the Grape è diventato quindi l'etichetta del vino in edizione limitata con cui Rocca di Frassinello celebra l'anniversario delle 10 vendemmie.
L'opera/label è stata presentata nella tenuta maremmana dall'artista che ha raccontato il suo percorso creativo.

"Sono rimasto molto colpito - ha detto il fotografo scoperto negli anni '80 da Andy Warhol - dal rispetto per il vino e la sua storia, l'estetica, l'umiltà e la ricerca di perfezione, la stessa del fare arte, che ho avvertito tra le persone al lavoro nella cantina progettata da Renzo Piano".

In effetti, invitato a trascorrere qui un paio di giorni, s'è immerso nei vigneti e tra le barrique per oltre una settimana, durante la quale racconta di aver scoperto e amato lo spirito "organic" del fare vino, la vita di ascolto e coltivazione, l'eredità toscana, il dna di una terra e una cultura che "deve essere la via del futuro, per un vero Rinascimento".

In fondo, dice, " intuizione e tecnica, gli ingredienti dell'arte, sono glistessi della produzione del vino".
L'opera che rappresenta le 10 vendemmie della cantina e resterà in esposizione permanente per i visitatore dell'azienda, raffigura nei toni caldi e accessi della Maremma, un uomo e una donna, circondati da grappoli d'uva con un uccello che vola alto. È un'ode al vino, che salva e illumina come il divino e come l'arte.

Rivoluzionaria in un certo senso la tecnica, che rivisita la sperimentazione dello stesso LaChapelle negli anni Ottanta e segnail ritorno all'analogico, dal ritmo lento, come quello della vinificazione.

I negativi vengono poi tagliati e colorati a mano, asciugati quindiassemblati in un collage che rimanda al "taglio" delle uve dell'enologo. Il collage è fatto con lo scotch, che l'artista volutamente lascia visibile nell'opera a mo' di cornice che ne sottolinea - come col vino - l'aspetto artigianale.

Ecco che per questo vino in limited edition ("solo 5mila bottiglie, esclusi i grandi formati" dice Paolo Panerai) la bottiglia si fa tela, ad accogliere il romance di Rapture of the Grape, che lo colora e lo anima come fosse un rosone di cattedrale, attraverso la fusione degli sfondi neri dell'opera e della bottiglia, in un matrimonio di estetica e tecnica.

"Rocca di Frassinello, la prima etichetta, le Grand Vin secondo il criterio bordolese - spiega l'enologo Alessandro Cellai, direttore di Domini Castellare di Castellina - si sta rivelando una grande orchestra, nella quale ogni musicista, ogni vitigno, suona in perfetta armonia con tutti gli altri, dando vita a una melodia meravigliosa. Ecco perché, per quest'edizione speciale, celebrativa, abbiamo scelto laVendemmia 2010, annata dal clima perfetto, che come una composizione musicale, dà voce al Grand Vin, svelandone tutta la poetica: intensa, avvolgente, intrigante, senza mai essere esagerata nel suo spessore, fresca ed elegante, tale da incantare sia da giovane sia dopo un lungo invecchiamento, possibile per decenni".

Il presidente dell'azienda nata in joint venture con Domaines Barons de Rothschild, Paolo Panerai, ha raccontato di come è nata la sua amicizia con Renzo Piano che ha progettato la cantina dalla celebre barriccaia ("facevo il giornalista e scrissi di un architetto pazzo che aveva fatto a Pegli un palazzo senza finestre. Lo andai a trovare per un'intervista e da lì nacque la nostra amicizia") e i legami tra arte, vino, territorio.

E si apre a un'anticipazione: "Nella nostra tenuta sono stati trovati resti di una necropoli etrusca, che col tempo valorizzeremo, con reperti dai quali si evince che non solo gli antenati toscani producevano, bevevano e commercializzavano vino, ma anche che c'erano oggetti d'arte ispirati al vino".
L'idea è stata quindi di perpetuare la connessione vino-arte anche in forma contemporanea con un artistanon convenzionale come laChapelle.

L'artista, in effetti, qui si è innamorato della passione per la vigna e la vinificazione: "Ho visitato altre cantine, in Francia come negli Usa, e ho notato che spesso chi compra vigneti lo fa solo per lusso, per il proprio ego, per fare business. È gente che ha già yacht, ville in posti favolosi e vuole una vigna come status symbol, ma in realtà non è interessata al vino. Ma qui in Toscana ho respirato un'aria diversa, una passione e una dedizione di tutti, davvero stupenda". Da qui, insomma il rapimento dell'uva.

Download PDF (148 K)